ACCEDI | REGISTRAZIONE

Recupero Crediti

RECUPERO CREDITI


L'esperienza dei nostri professionisti dimostra che una efficace gestione del Credito si deve basare su un mix corretto di azioni da intraprendere in un periodo di tempo ragionevolmente breve. Tale mix di azioni cambia di volta in volta a seconda della clientela e dei settori industiali di riferimento. Quella del recupero crediti è un’attività molto particolare, che richiede l’impiego di personale specializzato, costantemente formato e pronto a fronteggiare le situazioni più complicate e rischiose.

Volendo fornire una definizione di massima, potremmo dire che l’attività del recupero crediti, in generale, si ravvisa nel momento in cui un soggetto, vantando un credito nei confronti di un suo debitore e non riuscendo a smobilizzarlo, ne affida la riscossione ad una società  di recupero che, attraverso varie azioni – che andremo a spiegare di seguito ,- tenterà di ottenere il pagamento della somma dovuta.

Recupero crediti Giudiziale e Stragiudiziale


 

La gestione degli insoluti e il recupero crediti passa attraverso varie fasi e può essere di diversi tipi, a seconda anche della difficoltà dell’operazione e della morosità del debitore.

Innanzitutto, però, cerchiamo di capire meglio cosa si intende per recupero crediti e quali sono le situazioni in cui un’azione di questo tipo si rende necessaria. L’attività di recupero crediti viene fatta allo scopo di ottenere il pagamento di un credito che è venuto a mancare o perché il debitore si rifiuta di pagarlo, o perché è impossibilitato a farlo trovandosi in una situazione di difficoltà economica.

In ambedue i casi, il recupero crediti passa attraverso due fasi principali: la fase stragiudiziale e la fase giudiziale, cui si arriva se la prima fase non ha portato a risultati soddisfacenti.

La fase stragiudiziale, come suggerisce il termine stesso, prevede di cercare di ottenere l’estinzione del debito senza ricorrere a vie legali, cosa che potrebbe allungare i tempi e far lievitare anche i prezzi dell’operazione. Se il debitore si dimostra collaborativo, questa modalità di riscossione crediti può sicuramente portare a dei buoni risultati. Ecco come si svolge, solitamente, questa fase: la persona che deve recuperare una data somma si rivolge ad uno studio legale o a una società specializzata in recupero crediti, e gli addetti cercano di raggiungere un accordo con il debitore stabilendo un piano di rientro. Il contatto con il debitore avviene tramite lettere di sollecito, solleciti via telefono o, se necessario, tramite l’invio di funzionari. Di solito la procedura si articola in fasi precise, e la prima consiste nel primo sollecito epistolare: al debitore viene spedita una lettera in cui si richiede il pagamento della somma dovuta e vengono indicati anche gli eventuali interessi. Nella stessa lettera, si precisa inoltre che la pratica verrà affidata ad un ufficio specializzato in questo tipo di pratiche. La fase successiva prevede il sollecito telefonico, con il quale si cerca anche di risolvere delle eventuali contestazioni. Si passa quindi all’esazione diretta: gli addetti al recupero crediti visitano il debitore per accertarsi dello stato delle cose e concordare un piano di rientro della somma. L’ultima fase del recupero crediti stragiudiziale è la messa in mora, che può essere anche definita anche come la prima azione formale, che si concretizza con l’invio di una raccomandata con ricevuta di ritorno nella quale si richiede il pagamento entro una certa data, trascorsa la quale si procederà con l’azione giudiziaria e il conseguente addebito delle spese sostenute.

Nel caso in cui queste fasi non portino all’obiettivo preposto, si passa alla fase giudiziale. Bisogna comunque precisare che l’azione legale, solitamente, viene intrapresa nel momento in cui si è accertato che esiste un capitale sufficiente a coprire l’insoluto. Per riscuotere il credito, si può ricorrere a diversi metodi: il ricorso per ingiunzione (che permette di ottenere un titolo esecutivo), il precetto su titoli (qualora il creditore sia già in possesso di titoli esecutivi e possa quindi ottenere l’esecuzione forzata sui beni del debitore), il pignoramento dei beni (procedimento volto a sottrarre al debitore dei beni e a convertirli in denaro), il sequestro conservativo (i beni pignorabili vengono vincolati) e il fallimento (la liquidazione delle attività facenti parte del patrimonio del debitore, nel caso in cui si tratti di un imprenditore commerciale in stato di insolvenza).

Recupero crediti certificati. Cosa sono ?

 

Tutti gli enti della Pubblica Amministrazione sono tenuti a pagare le fatture entro 30 giorni dalla data di emissione ed il rispetto di questi termini è un fattore cruciale per il buon funzionamento dell’economia nazionale, purtroppo però tale scadenza spesso non viene rispettata.

Per ovviare questo problema molte aziende che lavorano con la Pubblica Amministrazione ricorrono alla certificazione dei crediti, procedura introdotta con i DM del 22.05 e del 25.06.2012 e semplificata nel 2014 con il DL 66.

I crediti certificati sono fatture relative ai soli crediti commerciali che le aziende hanno nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni.
Sono le imprese stesse, cioè i fornitori, che chiedono alla Pubblica Amministrazione di procedere con la certificazione dei crediti attraverso una procedura totalmente gratuita, gestibile online.Imprese individuali, società di persone o società di capitali possono richiedere la certificazione dei crediti attraverso la piattaforma elettronica per la certificazione dei crediti (PCC) del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) è accessibile al seguente indirizzo web: certificazionecrediti.mef.gov.it.

I crediti vantati nei confronti di una Pubblica Amministrazione per essere certificati devono essere non prescritti, certi, liquidi ed esigibili.
Nello specifico possono essere quindi certificati tutti i crediti relativi a somme dovute per somministrazioni, forniture, appalti e prestazioni professionali vantati dalle imprese nei confronti di una Pubblica Amministrazione.

Una soluzione per le imprese per affrontare i ritardi di pagamento è la gestione del credito commerciale con il servizio