ACCEDI | REGISTRAZIONE

L’estratto di ruolo non è atto impugnabile ma lo è la Cartella conosciuta attraverso lo stesso.

L'estratto di ruolo non è atto impugnabile ma lo è la Cartella conosciuta attraverso lo stesso.

L'estratto di ruolo è e resta sempre solo un "documento", un elaborato informativo contenente gli elementi della cartella e dell'atto impositivo, il quale è formato dal Concessionario della riscossione e non contiene nessuna pretesa impositiva, diretta o indiretta.

Ciò comporta la non impugnabilità dello stesso in quanto tale, per la assoluta mancanza di interesse del Contribuente a richiedere ed ottenere il suo annullamento giurisdizionale, non avendo infatti alcun senso l'eliminazione dal mondo giuridico del solo documento, senza incidere su quanto in esso rappresentato.

Mentre è assolutamente legittima da parte del Contribuente l'impugnativa della cartella di cui si assume la conoscenza tramite l'estratto di ruolo ( che di per sé non è un atto impugnabile), senza dover attendere la notifica degli atti successivi, quali quelli preliminari all'esecuzione o atti esecutivi del concessionario.

Nella fattispecie l'impugnazione del ricorrente concerne non l'estratto di ruolo ma le cartelle di pagamento che si assumono non essere state notificate e come tale il ricorso è ammissibile e va accolto in quanto non può tenersi conto non può tenersi conto della documentazione prodotta da Equitalia che si è costituita in giudizio tardivamente atteso che la facoltà di produrre documenti entro venti giorni liberi prima della data di trattazione è sottoposta a un termine perentorio e, quindi, sanzionato a pena di decadenza. Oltretutto si è limitata a produrre gli estratti di ruolo senza dare prova della notifica delle cartelle.

CTP Napoli sentenza n. 14662 del 19-10-2017
     

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento