ACCEDI | REGISTRAZIONE

Applicabilità del regime agevolato della “cedolare secca ” anche se il conduttore è una società.

Applicabilità del regime agevolato della "cedolare secca " anche se il conduttore è una società.

La cosiddetta cedolare secca, imposta applicabile ai canoni di locazione, è disciplinata dall’art. 3 del Decreto Legislativo n. 23/ 2011 che così dispone :

“...il canone di locazione relativo ai contratti aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e le relative pertinenze locate congiuntamente all’abitazione, può essere assoggettato, in base alla decisione del locatore, ad un’imposta, operata nella forma della cedolare secca, sostitutiva dell’imposta sul reddito delle persone fisiche e delle relative addizionali, nonché delle imposte di registro e di bollo sul contratto di locazione; la cedolare secca sostituisce anche le imposte di registro e di bollo sulla risoluzione e sulle proroghe del contratto di locazione...”.

Per quanto concerne il profilo del locatario, la norma non impone alcun vincolo particolare ai fini dell’accesso al regime agevolato, per cui se il locatore è una persona fisica che non esercita attività imprenditoriale, sussistendo il requisito previsto dalla legge della destinazione dell’immobile ad uso abitativo, può optare per la cedolare secca per la tassazione dei canoni di locazione, e non ha alcuna rilevanza il fatto che il conduttore sia una società.

CTR Lombardia sentenza n. 754 del 27-02-2017
     

Nessun commento ancora

Lascia un commento

E' necessario essere Accesso effettuato per pubblicare un commento